PROGRAMMA

Il Master di II livello – di durata annuale – prevede un impegno complessivo di 1500 ore e rilascia n. 60 Crediti Formativi Universitari.

Le ore destinate alle attività didattiche sono articolate come segue: 460 ore di lezioni frontali di aula, 100 ore dedicate a seminari e workshop di approfondimento, 40 ore di modulo di orientamento.

La modalità di frequenza prevede week-end alterni e alcune settimane full time.

Le lingue di svolgimento sono italiano e inglese.

Il programma del Master in Joint China and Italy Economic Cooperation è diviso in:

  • 3 Unità formative
  • Laboratori/Workshop/Seminari
  • Modulo di orientamento
  • Project work
  • Stage/Tirocinio formativo
  • Placement

 

Unit 1 – Il Pianeta Cina (80 ore)

  • Politica, società e istituzioni
  • Cina contemporanea, Partito, Società ed “economia mista”
  • Le istituzioni cinesi, l’organizzazione territoriale, le competenze
  • Il ruolo dei grandi poli urbani
  • Caratteristiche delle relazioni internazionali della Cina
  • Il caso-studio: Il modello di Intervento in Africa
  • Economia
  • L’assetto e la politica Industriale; la realtà del sistema produttivo cinese
  • La politica finanziaria, le Borse e aspetti di economia monetaria
  • L’organizzazione dei sistemi di tassazione: i tributi centrali e l’autonomia tributaria delle periferie
  • Il sistema gius-lavoristico
  • L’organizzazione del welfare e del settore sanitario

 

Unit 2 – L’intervento di cooperazione bilaterale (180 ore)

  • Il quadro della cooperazione italiana in Cina: le esperienze fatte e i risultati
  • Elementi di individuazione della domanda cinese
  • Esigenze, modalità e contenuti per rispondere alla domanda
    • nel campo idrico
    • ambiente e sostenibilità
    • biodiversità e agricoltura biologica
    • modelli innovativi per la Amministrazione Pubblica
    • tecnologie e innovazione produttiva e organizzativa
  • L’attrazione del turismo
    • Opportunità di partnership, ipotesi e modalità di intervento per investimenti italiani in Cina e cinesi in Italia
    • Aree, opportunità e tecniche di attrazione del turismo cinese in Italia
  • L’accompagnamento agli investimenti (per settori assunti come “caso studio”)
    • Italiani in Cina
    • Cinesi in Italia

 

Unit 3 – Gli strumenti per l’accompagnamento alla internazionalizzazione in Cina (200 ore)

  • Come si viaggia in Cina: regole, sistemi di trasporto ed accoglienza
  • Come si stipulano i contratti e la documentazione commerciale (casi di studio)
  • Gli aspetti connessi alle regole di bilancio aziendale e della contabilità
  • Gli aspetti connessi ai problemi di fiscalità
  • Esperienze e modelli di campagne marketing in Cina
  • Come fare pubblicità in Cina
  • La tutela della proprietà intellettuale

 

Laboratori/Workshop/Seminari (100 ore)

  • Tradizioni, comportamenti, abitudini, “ritualità” nella società e negli affari
  • Rispetto della legalità e condizioni di sicurezza nel territorio cinese
  • Primi elementi di lingua cinese per gli affari (lungo tutto il corso del Master)

 

Modulo di orientamento (40 ore)

Il modulo di orientamento è titolato “Career Development” e prevede la trattazione dei seguenti temi:

Parte I – Il mercato del lavoro giovanile

  • Evoluzione del mercato del lavoro italiano e internazionale (modalità lecture)
  • I nuovi strumenti legislativi di politiche attive con particolare focus all’Italia e in Europa (modalità lecture)
  • Auto imprenditorialità e auto impiego (modalità lecture)
  • Career repositioning
  • Life long learning

 

Parte II – Approccio strategico alla ricerca del lavoro

  1. What every student should know about career planning (modalità lecture)
    • Panoramica sul mondo del lavoro
    • Come pianificare i prossimi 5 anni
    • Come costruire un CV ricco e attraente
    • Come effettuare la ricerca di offerte di stage e di lavoro in Italia e all’estero
    • Personal branding and positioning
  2. How to present yourself successfully (modalità lecture + workshop)
    • Il Curriculum
    • La lettera di accompagnamento
    • Personal branding sui social network (Linkedin / Facebook)
    • Networking for professional development
  3. Interviewing techniques and compensation negotiation (modalità lecture / workshop)
    • Phone interviews
    • Group interviews
    • Group case analysis
    • Tangible and intangible components of the compensation package
  4. Mock interview workshop (modalità workshop / role playing)
    • I partecipanti vengono sottoposti a vere e proprie simulazioni di colloqui
  5. Il Social networking for career change

 

Project work

Ciascun partecipante al master è chiamato ad elaborare un project work assistito da un docente: il PW è finalizzato a sviluppare un progetto concreto, nel caso di candidati in stage il PW è quasi sempre commissionato dall’azienda ospitante.
In tal caso temporalmente lo svolgimento del PW può coincidere con il periodo di stage.
Per i candidati già occupati il PW può rappresentare un supporto consulenziale allo sviluppo del loro business e/o di quello dell’azienda di appartenenza.
Il PW coincide, nel percorso del master, con la tesi finale e dunque rappresenta un adempimento accademico obbligatorio. Il master esclude la presentazione di tesi compilative che di fatto coinciderebbero con lavori di ricerca e approfondimento alla stregua delle tesi dei corsi di laurea.
Pertanto è indispensabile che i partecipanti sviluppino una relazione collaborativa con l’impresa, come “consulenti esterni”.
Questa esperienza, seguita da un docente del master, consente ai partecipanti di integrare le conoscenze e le competenze acquisite durante l’intero percorso di master contribuendo a sviluppare attitudini e capacità in linea con il mercato del lavoro.

Il project work è un vero e proprio progetto operativo che ha lo scopo di dimostrare le capacità del candidato di inquadrare una situazione di lavoro o un problema tratti da un reale campo di attività professionale, di descriverne i tratti fondamentali e i punti critici, di proporre un cambiamento e/o una soluzione. Questo sia innovando un’attività sia impostando o cambiando una struttura organizzativa sia delineando una nuova procedura operativa sia proponendo nuove tecniche.
Pertanto nella tesi finale/project work si dovrà, affiancati anche da un tutor/referente in azienda:

  • descrivere il contesto organizzativo procedurale e operativo della questione trattata, precisando ruoli, attività, comportamenti, modalità operative rilevanti
  • definire l’oggetto specifico (problema o attività o struttura) delle proposte di soluzione o variazione
  • precisare i dati quantitativi essenziali, atti a definire le dimensioni della situazione o del problema
  • sviluppare in modo sintetico ma completo la proposta di innovazione o soluzione, con particolare riguardo alla sequenza operativa
  • precisare i vantaggi attesi e risultati sperati
  • fare cenno delle teorie interpretative e /o delle tecniche d’intervento alle quali si fa riferimento nella diagnosi dei problemi e nella proposta di soluzione.

La supervisione del project work  è affidata a due referenti uno aziendale e l’altro accademico.

 

Placement

Le azioni di placement previste saranno svolte sia durante il percorso formativo che al termine. Nel dettaglio:

  • Colloquio di orientamento e motivazionale in fase di selezione

In fase di colloquio l’orientatore aiuta il candidato nella individuazione/esternazione delle attitudini e delle aspirazioni personali. L’inquadramento degli obiettivi personali agevola i candidati durante tutta la fase di aula. Da subito i candidati hanno la possibilità di approfondire attraverso attività parallele alla formazione frontale come ad esempio il project work professionalizzante.

  • Attività di coaching

Parallelamente alle attività di aula sono previsti seminari collettivi di coaching (offerti esclusivamente da coach certificati dalla International Coaching Federation – ICF). Il coaching rappresenta uno strumento per lo sviluppo della persona volto alla creazione di piani d’azione per il miglioramento delle performance professionali e personali. L’obiettivo di questa fase è l’esplorazione dei possibili scenari professionali che si prospetteranno al termine del master e l’approfondimento delle dinamiche di lavoro in team richiesto in azienda. Più nel dettaglio i seminari mirano a far acquisire ai candidati un approccio focalizzato agli obiettivi, alla definizione delle strategie e alla conseguente scelta delle azioni e al lavoro in team.

  • Modulo orientamento
    Durante il modulo è previsto l’intervento di testimonial aziendali al fine di trasferire ai candidati una percezione esperienziale e meno teorica del mondo professionale e per impostare un bilancio di competenze da esplicitare in una presentazione ed un curriculum.
  • Supporto alla costruzione di un Multimedia Profile (MP) dei partecipanti.

L’Ateneo supporta gli studenti nella costruzione del proprio MP già durante lo svolgimento del master fornendo l’assistenza di professionisti operanti come orientatori al lavoro e esperti di politiche del lavoro. Il MP è di fatto uno strumento a disposizione dei partecipanti per l’”autopromozione” e la ricerca del lavoro, ma è altresì utilizzato dall’Ateneo per la diffusione dei profili degli studenti.

La costruzione del MP avviene durante lo svolgimento del master e contiene:

  • il curriculum studiorum con la descrizione di dettaglio delle conoscenze e competenze acquisite
  •  un’autopresentazione video in italiano
  • un’autopresentazione video in inglese
  •  eventuali lettere di referenza di pregresse esperienze e/o dei docenti
  • una lettera motivazionale con enfasi sulle proprie soft skill

Trattasi di un servizio di supporto allo ricerca del lavoro e/o allo sviluppo della carriera professionale per lo studente/diplomato, ma anche per le aziende/enti.

  • Distribuzione mirata alle aziende operanti nel settore del master degli MP dei partecipanti su supporto elettronico e/o cartaceo.

In particolare i dati degli MP già acquisiti dall’università, saranno distribuiti ai rappresentanti delle aziende e/o Enti ospiti e relatori delle iniziative organizzate dalla direzione del master e/o dall’Ateneo.

  • Supporto all’auto-imprenditorialità

Al fine di supportare la creazione di nuove start-up o spin-off universitari, l’Università mette a disposizione le competenze dei propri ricercatori e del suo staff per offrire assistenza nella redazione della documentazione amministrativa e progettuale per la partecipazione a bandi di gara locali, nazionali ed internazionali.

  • Lucy Weekend

L’Ateneo organizza annualmente un career weekend denominato LUCY -Link University Calls You.
LUCY rappresenta l’occasione di incontro per gli studenti con gli operatori del settore, società di selezione del personale, head hunter, associazioni datoriali e amministratori pubblici impegnati nelle politiche del lavoro. Tra gli eventi tematici organizzati sono previsti: interviste con le imprese, assessment interview, calls for ideas commissionate da aziende partner che misurano attraverso questa modalità le attitudini/competenze dei candidati.





Nel rispetto della direttiva 2209/136/CE, ti informiamo che il nostro sito utilizza i cookies. Se continui a navigare sul sito, accetti espressamente il loro utilizzo. Per informazioni | Chiudi